Categories:

Spesso quando si parla di ausili acustici, si commette l’errore di pensare che amplificatore ed apparecchio acustico siano due strumenti dotati delle stesse funzioni, ma non è così.

L’amplificatore acustico

L’unica funzione dell’amplificatore acustico è quella di “amplificare il suono” e lo fa in maniera assolutamente indiscriminata, senza tenere conto del grado di sordità della persona che lo utilizza e della tipologia di suono. L’amplificatore acustico, infatti, si limita soltanto ad alzare o abbassare qualsiasi tipo di suono, dalle parole ai rumori, proprio come fa una televisione o uno stereo. In questo modo, l’amplificatore, se indossato a lungo, anziché migliorare l’udito rischia di danneggiarlo seriamente. Infatti, i tempi di utilizzo consigliati dalle case produttrici è di qualche ora.

L’apparecchio acustico

L’apparecchio acustico, invece, funziona in maniera differente perché si può indossare praticamente tutta la giornata ed è un ausilio programmato tramite PC da un audioprotesista, il quale tiene in considerazione diversi fattori: tipologia e grado di perdita uditiva, stile di vita del paziente e anatomia dell’orecchio. L’amplificazione con l’apparecchio acustico, avviene solo quando c’è bisogno, quindi durante le conversazioni potrebbero essere enfatizzate le parole, mentre i rumori di fondo, soprattutto i più fastidiosi, vengono smorzati. Con l’utilizzo dell’apparecchio acustico si entra in un percorso di riabilitazione uditiva, dove pian piano si riacquisisce la possibilità di percepire i suoni perduti.

Tags:

Comments are closed