I micronutrienti contro la perdita dell’udito!

 

Dieta ricca di folati
L’American Academy of Otolaryngology-Head and Neck Surgery Foundation consiglia una dieta ricca di folati e sali di acido folico (uova, cereali integrali, legumi, spinaci, broccoli e insalata sono gli alimenti più ricchi di queste sostanze), elementi che aiutano a mantenere bassi i livelli nel sangue di omocisteina, un metabolita della coagulazione che – a livelli elevati – può causare trombi o emboli all’orecchio.

Musicoterapia e sordità infantile

Musicoterapia e Sordità nei bambini

L’approcio di una persona sorda all’esperienza del suono è necessariamente una esperienza multisensoriale. Il soggetto sordo codifica gli stimoli percepiti sulla base di quattro vie sensoriali attive, e lo stimolo comunemente categorizzato come ‘uditivo’ viene trasdotto a livello tattile in termini pressori, oppure a livello visivo, in termini di frequenze di articolazione di sequenze segniche.

I sordi sono fortemente attratti dai suoni. Per quanto possa apparire strano i sordi insegnano in che cosa consiste l’ascolto. Per esempio i sordi insegnano che non è vero che noi sentiamo soltanto con le orecchie, ma bisogna avere una grande apertura per lasciarsi guidare dalle persone sorde in una nuova dimensione dell’ascolto. Ogni percepire è un evento soggettivo legato alle caratteristiche di ogni persona, al momento, alla relazione che si stabilisce fra le persone.

La Musicoterapia affianca la terapia logopedica per avvicinare il bambino sordo alle emozioni che il mondo sonoro gli offre e affascinarlo con novità sonoro-percettive. Il suono, inteso come vibrazioni, entra in “risonanza” con la musicalità del piccolo paziente e ottiene risposte da lui attraverso continue “provocazioni” sonore.
Nell’ambito del progetto musicoterapico, il paziente impara a cogliere la differenza tra la presenza o l’assenza del suono, a coglierne le differenze, a riconoscere le fonti sonore, il significato dei suoni e dei rumori, a modulare la propria voce attraverso il canto, a trovare la giusta intonazione, ritmo, musicalità.

Nella terapia sonora si segue una progressione di obiettivi che vanno dalla  detenzione del suono alla discriminazione dei parametri sonori quali l’altezza, la durata, il timbro e l’intensità; si prosegue con l’ identificazione della sorgente sonora e con il riconoscimento dei timbri.
Molta importanza assumono vocalizzi, canzoncine e filastrocche, al fine di sviluppare correttamente tutti i parametri della voce e, quindi, far acquisire al bambino una buona impostazione vocale.
L’ascolto musicale segue di pari passo la produzione dei suoni, poiché il bambino ipoacusico impara ad aver fiducia nelle proprie possibilità espressive e percettive.

Perdita di udito nei bambini

In Italia circa un bambino su mille è colpito da sordità prima della nascita o comunque durante il periodo di apprendimento del linguaggio, con severe conseguenze a carico della comunicazione verbale e con inevitabili ricadute sull’equilibrio psicologico, sulla vita scolastica e in generale sull’inserimento sociale.Weiterlesen

Problemi di udito

I problemi all’udito sono un disturbo che colpisce persone di tutte le fasce d’età, a causa di diversi problemi che possono svilupparsi. 1 persona su 3 che ha superato i 65 anni di età, infatti, soffre di problemi d’udito; questo fenomeno è chiamato ipoacusia, cioè, la perdità dell’ udito.Weiterlesen

Udito e nutrizione

I cibi che aiutano meglio a preservare l’udito sono quelli ricchi di folati, come le verdure a foglia verde e i legumi. Inoltre, gli uomini dovrebbero fare scorta di folati. Proprio quell’acido folico che è tanto utile per le donne in gravidanza serve infatti a ridurre il rischio di sordità, che negli uomini è più elevato:Weiterlesen